Mio figlio di 2 anni e 8 mesi ha un chiaro ritardo nel linguaggio rispetto ai suoi coetanei: ha un vocabolario di più di cento parole alcune non ben pronunciate ma non compone nessuna frase. All’asilo, che frequenta da quattro mesi, riscontrano una tendenza ad estraniarsi dal gruppo e dalle attività. A casa, oltre alla carenza linguistica e ad una certa scarsa concentrazione, non desta altre preoccupazione appare sereno e sorridente, comprende ciò che gli viene richiesto, associa concetti, riconosce le immagini, i colori, gli animali ecc… Come è più giusto comportarsi in questo caso? Vorrei che facesse dei progressi prima dell scuola materna anche perché attualmente le mattine passate all’asilo sembrano ore inutili che non lasciano in lui nessuna impressione o apprendimento! Ringrazio anticipatamente per un consiglio!